Ragazza con allergia ai pollini

Un incubo che si ripresenta ogni anno

prato di fiori

Allergia ai pollini

«Ma dai, è solo raffreddore da fieno.» La mamma di Nina* ha ormai perso il conto delle volte in cui si è sentita rivolgere questo commento da persone che non si rendono conto delle limitazioni che l’allergia ai pollini impone a lei e alla figlia, e della potenziale portata delle conseguenze di questa malattia.

prato di fiori
occhi rossi

Una reazione grave

Gli occhi si erano gonfiati al punto da rendere la piccola Nina irriconoscibile. All’inizio si è pensato a una congiuntivite, ma ben presto ci si è resi conto che era una reazione grave a una forte allergia ai pollini.
un bambino inala

Una situazione che peggiora

Un anno più tardi, si è verificato il cosiddetto «cambiamento di livello»: i sintomi si sono estesi dal naso ai polmoni, con tanto di insorgenza dell’asma. Al momento della diagnosi, la mamma non sapeva ancora che cosa aspettarsi e non aveva idea delle limitazioni che attendevano Nina e l’intera famiglia. Ogni giorno, la bimba deve prendere delle pastiglie e avere gli spray sempre a portata di mano per tenere sotto controllo le difficoltà respiratorie.
triste sorella

Una vita con la paura

Nina non è l’unica a pagarne il prezzo. A causa sua, anche la sorella deve spesso rinunciare al parco giochi. Le vacanze non sono una gioia come per chiunque altro, tutto è ammantato dalla paura e dall’incertezza.
gruppo di scambio

Finalmente comprensione

In un gruppo di scambio della Fondazione aha! Centro Allergie Svizzera, la mamma di Nina ha trovato un luogo in cui si sente capita e non più così sola. Il sostegno specialistico della Fondazione aha! è importantissimo per la famiglia.

Aiutate anche voi con una donazione. Nina e molte altre persone colpite sono immensamente grate per il prezioso e irrinunciabile sostegno.

Aiutate anche voi!

Con il vostro contributo, consentite agli allergici come Nina di imparare a convivere con le limitazioni imposte dalla loro condizione grazie alla consulenza mirata e alle informazioni sulla loro allergia. Noi del Centro Allergie siamo sempre al loro fianco!

Donazione

La sua donazione

Donazione

CHF
L'importo minimo per una donazione è di CHF
Ci contatti se desidera donare un importo superiore: 031 359 90 00
Si è verificato un errore.
Vierblätteriges Kleeblatt

La vostra donazione è in buone mani

La Fondazione aha! Centro Allergie Svizzera è membro della ZEWO e dal 2003 certificata quale organizzazione di utilità pubblica che raccoglie donazioni. La sicurezza dei vostri dati personali è garantita. Maggiori informazioni

Vierblätteriges Kleeblatt
Ragazza con allergia ai pollini

Ecco come aiutiamo le persone affette

  • Consulenza telefonica gratuita
  • Opuscoli in tre lingue
  • Corsi per genitori di figli affetti e per bambini
  • Documentazione redatta in un linguaggio semplice
  • Informazioni verificate a disposizione su www.aha.ch
  • Colonie per bambini e adolescenti
  • Consulenza telefonica gratuita
  • Opuscoli in tre lingue
  • Corsi per genitori di figli affetti e per bambini
  • Documentazione redatta in un linguaggio semplice
  • Informazioni verificate a disposizione su www.aha.ch
  • Colonie per bambini e adolescenti

Domande e risposte

Non esitate a contattarci per qualsiasi domanda. Qui trovate le risposte a quelle più frequenti.

Prestiamo alle persone affette e ai loro familiari una consulenza professionale con molti consigli per la quotidianità. Uniamo teoria e pratica affinché possano trarne il maggiore beneficio possibile.
In Svizzera, circa 1,2 milioni di persone, ossia il 20 per cento della popolazione, soffrono di allergia ai pollini.
Le donazioni confluiscono nei progetti e nelle prestazioni che più urgentemente ne hanno bisogno.
Sì. Durante la procedura di donazione, vi viene chiesto se desiderate ricevere un attestato e se lo volete riepilogativo per tutto l’anno. Selezionate l’opzione che fa al caso vostro e nel giro di pochi giorni o all’inizio dell’anno successivo troverete il documento nella vostra bucalettere.
Sul nostro sito www.aha.ch, vi spieghiamo tutto sull’attività della Fondazione aha! e sui suoi effetti.
La storia di Nina è vera. A tutela della personalità, il nome è stato cambiato e sono state utilizzate foto simboliche. Il nome e l’indirizzo delle persone colpite sono noti alla Fondazione aha! Centro Allergie Svizzera.